Libri

La Guerre de deux cents ans by Antonino De Francesco

Une approche complètement nouvelle de la Révolution française à travers l'étude de ses histoires depuis 1792.

Si des ouvrages d’historiographie ont attiré l’attention du public, jamais un tableau d'une telle ampleur n’avait été tracé, concernant la période à la fois fondatrice et fracturante que fut la Révolution française. Ce livre recense les formes de construction de la mémoire et du récit national à partir de l’événement révolutionnaire. Il analyse également comment celui-ci façonne le débat politique...

https://www.lisez.com/auteur/antonino-de-francesco/109230

Lexique Lequeu, by Jean-Philippe Garric (with L. Baridon, M. Guédron)

Architecte dessinateur solitaire, Lequeu (1757-1826) invente à ses heures de repos une collection variée d’architectures étranges ; une ville rêvée diffuse dans un territoire fabuleux. Rejeté par ses contemporains, mais certain de faire œuvre, il étend à l’intime ses investigations graphiques, de l’autoportrait à l’exploration du corps féminin, traçant à sa façon un tableau unique de son époque. Il était temps, après plus d’un siècle d’oubli et plusieurs décennies d’interprétations hasardeuses, d’inscrire enfin cet artiste hors pair dans l’histoire de l’art de la période de la Révolution, comme le propose ce petit guide, qui passe au crible les travaux anciens et actuels et revisite en profondeur une production qui reste encore à découvrir.

http://editions-b2.com/home/86-lexique-lequeu.html

Jean-Jacques Lequeu. Bâtisseur de fantasmes, by Jean-Philippe Garric (with L. Baridon , M. Guédron, C. Le Bitouzé)

Quel lien y a-t-il entre L’Origine du monde de Gustave Courbet et le « Palais idéal » du facteur Cheval ? Selon Annie Le Brun, « il y a Jean-Jacques Lequeu, qui, sans en être conscient, pressent que l’origine du rêve architectural a quelque chose à voir avec cette origine du monde ».

Fils d’un menuisier de Rouen, Lequeu (1757-1826), formé au siècle des Lumières, voit son destin bouleversé par la Révolution. Contraint à un emploi de dessinateur pour l’administration, il croit toutefois à son talent et poursuit sans concession son ambition d’artiste.

« Architecte de papier », Lequeu rêve de monuments somptueux, de fabriques fictives et de paysages imaginaires ; au-delà de l’architecture, sa galerie s’enrichit de multiples dessins, d’une suite troublante d’autoportraits, de portraits grimaçants, de tableaux érotiques et de détails anatomiques sans complaisance. Six mois avant de disparaître dans le dénuement et l’oubli, il lègue ce fascinant œuvre graphique à la Bibliothèque royale.

Cet ouvrage présente pour la première fois Lequeu dans sa singularité comme dans son époque, restituant enfin pour un large public toute sa richesse et sa complexité.

Ouvrage publié en coédition avec la BnF. 

Exposition au Petit Palais, musée des Beaux-Arts de la ville de Paris, du 11 décembre au 31 mars 2019.

https://www.editions-norma.com/products/jean-jacques-lequeu-batisseur-de-fantasmes

«Per essere quest’ufficio la chiave dell’Italia e Germania...». La famiglia Taxis Bordogna e le comunicazioni postali nell’area di Trento e Bolzano (sec. XVI-XVIII), di Francesca Brunet

Francesca Brunet, «Per essere quest'ufficio la chiave dell'Italia e Germania..». La famiglia Taxis Bordogna e le comunicazioni postali nell'area di Trento e Bolzano (sec. XVI-XVIII) / «Da dieses Amt der Schlüssel für Italien und Deutschland ist…». Die Familie Taxis Bordogna und die Postverbindungen im Raum Trient und Bozen vom 16. bis zum 18. Jahrhundert, Camerata Cornello (BG), Museo dei Tasso e della Storia postale, 2018, 254 pp.

Il volume «Per essere quest’ufficio la chiave dell’Italia e Germania...». La famiglia Taxis Bordogna e le comunicazioni postali nell’area di Trento e Bolzano (sec. XVI-XVIII) - «Da dieses Amt der Schlüssel für Italien und Deutschland ist...». Die Familie Taxis Bordogna und die Postverbindungen im Raum Trient und Bozen vom 16. bis zum 18, è il risultato del lavoro di ricerca della dott.ssa Francesca Brunet ricercatrice presso l’Università di Innsbruck sul ramo dei Taxis Bordogna di Trento e Bolzano.

Il libro di Francesca Brunet indaga la storia del casato dei Taxis Bordogna, che controllò le stazioni postali lungo il corso dell’Adige di Trento e Bolzano dal XVI al XVIII secolo.

Si tratta di una storia lunga quasi tre secoli: dall’inizio del Cinquecento, quando il ramo Taxis Bordogna venne inaugurato dal matrimonio di Bonus Bordogna ed Elisabeth Taxis, fino all’incameramento del feudo, e quindi alla “statalizzazione” delle poste, avvenuta negli anni Sessanta del Settecento. Una storia che si intreccia con quella delle sovranità e delle configurazioni statuali entro cui la famiglia si trovò a gestire le propria attività: l’impero, la contea del Tirolo, il principato vescovile e la città di Trento.

Il volume si divide in due parti: la prima è dedicata alla storia della famiglia e del feudo postale, la seconda si propone di ricostruire gli aspetti più propriamente economici e materiali della storia della posta trentina in età moderna.

Il lavoro ricostruisce un tassello di un grande sistema europeo di comunicazioni postali, all’interno del quale la piccola Trento e la famiglia Taxis Bordogna, che per quasi 300 anni ne possedette il feudo postale, ricoprirono un ruolo di assoluto rilievo.

Voluptas. La filosofia del piacere nel giovane Marsilio Ficino (1457-1469), by Raphael Ebgi

Raphael Ebgi, Voluptas. La filosofia del piacere nel giovane Marsilio Ficino (1457-1469), Pisa, Edizione della Normale.

Gli insegnamenti di Epicuro, insieme alla lezione di Lucrezio, suscitarono un profondo interesse nel giovane Ficino, influenzando in modo originale la sua concezione della voluptas. Esteso alle opere di Platone e di Aristotele, è un interesse visibile nei testi risalenti alla prima fase del suo pensiero e nel progetto di una ‘filosofia del piacere’ da cui poi Ficino si distaccò. Ma esso attraversa tutta la sua riflessione, come conferma il fatto che nel settembre del 1497 egli abbia ristampato, per i tipi di Aldo Manuzio, il De voluptate composto alla fine del ’57 quando aveva 24 anni, a conclusione di un volume che comprende alcune delle sue più importanti ‘traduzioni’. Il volume di Ebgi presenta un’analisi organica del giovanile progetto ficiniano, gettando luce su uno dei più significativi e sorprendenti capitoli della filosofia umanistica.

Articoli

L'imposta di culto nel Cantone Ticino, by Marco Bernasconi

Bernasconi, Marco (2019) L'imposta di culto nel Cantone Ticino. Novità fiscali, 2019 (2). pp. 59-69. ISSN 2235-4573

Le recenti attenzioni dedicate dai media alle difficoltà finanziarie della Chiesa cattolica ticinese e la (fallita) iniziativa promossa dall'Associazione dei liberi pensatori per la separazione tra Stato e Chiesa lo scorso settembre, spingono ad una riflessione giuridica sul tanto discusso tema dell'imposta di culto. Il Decreto legislativo concernente l'imposta di culto delle Parrocchie e delle Comunità regionali della Chiesa evangelica riformata stabilisce che sia le persone fisiche sia le persone giuridiche sono assoggettate a tale tributo, consentendo, tuttavia, loro di avvalersi dell'esenzione da tale imposta qualora non si riconoscessero nella confessione che ne è destinataria. Se per le persone fisiche la facoltà di chiedere l’esenzione dall'imposta di culto è riconosciuta tanto dalla Costituzione federale quanto dalla CEDU, per le persone giuridiche con scopo commerciale, invece, si pongono alcuni interrogativi.

Cade il nuovo Accordo sui frontalieri tra Svizzera ed Italia parafato nel 2015, by Marco Bernasconi (with S. Vorpe)

Vorpe, Samuele and Bernasconi, Marco (2018) Cade il nuovo Accordo sui frontalieri tra Svizzera ed Italia parafato nel 2015. Novità fiscali, 2018 (11). p. 473. ISSN 2235-4573

Si apre un problema politico sul versamento dei ristorni da parte dell'autorità ticinese?

Le risposte del Progetto fiscale 17 alle esigenze della comunità internazionale, by Marco Bernasconi

Marco Bernasconi, Le risposte del Progetto fiscale 17 alle esigenze della comunità internazionale. Novità fiscali, 2018 (6). pp. 252-254.

Costituzione e deduzioni sociali, by Marco Bernasconi (with A. Fumagalli)

Marco Bernasconi / Andrea Fumagalli, Costituzione e deduzioni sociali. Novità fiscali, 2018 (1). pp. 7-10.

L'imposta federale diretta e quella sul valore aggiunto all'esame popolare del 4 marzo 2018, by Marco Bernasconi (with S. Vorpe)

Marco Bernasconi / Samuele Vorpe, L'imposta federale diretta e quella sul valore aggiunto all'esame popolare del 4 marzo 2018. Novità fiscali, 2018 (1). pp. 3-5.

La ricerca italo-svizzera in campo fiscale tra il 1938 e il 1950 - L'apporto di Vanoni e di Blumenstein, by Marco Bernasconi

Marco Bernasconi, La ricerca italo-svizzera in campo fiscale tra il 1938 e il 1950 - L'apporto di Vanoni e di Blumenstein

http://www.supsi.ch/fisco/pubblicazioni/Libri-SUPSI.html

“Verrei a vivere, ove ora tu vivi, terra libera, terra beata!”. Esuli austriaci negli Stati Uniti d’America (XIX secolo): un progetto in corso, by Francesca Brunet

Francesca Brunet, “Verrei a vivere, ove ora tu vivi, terra libera, terra beata!”. Esuli austriaci negli Stati Uniti d’America (XIX secolo): un progetto in corso, in «Geschichte und Region/Storia e Regione» 27 (2018), 1, pp. 209-216.

https://storiaeregione.eu/it/rivista/leggi/community-of-images-zugehoerigkeiten-schaffen-costruire-appartenenze

Reprimere, punire, controllare. Processi militari e misure di sorveglianza, by Francesca Brunet (with A. Livio)

Francesca Brunet, Alessandro Livio, Reprimere, punire, controllare. Processi militari e misure di sorveglianza, in Laboratorio di storia di Rovereto (a c. di), Cosa videro quegli occhi! Uomini e donne in guerra. 1913-1920. Vol. 2: Saggi, Rovereto (Tn), Laboratorio di storia di Rovereto, 2018, pp. 73-93.

https://www.labstoriarovereto.it/pubblicazioni/18

recensione ad Andreas Gottsmann, Staatskunst oder Kulturstaat? Staatliche Kunstpolitik im Österreich 1848-1914, by Francesca Brunet

Francesca Brunet, recensione ad Andreas Gottsmann, Staatskunst oder Kulturstaat? Staatliche Kunstpolitik im Österreich 1848-1914, Wien-Köln-Weimar, Böhlau, 2017, in: «ARO», 2 (2019), 1

Open access: https://aro-isig.fbk.eu/issues/2019/1/staatskunst-oder-kulturstaat-francesca-brunet

« Per li nemici del popolo, li controrivoluzionari, li ribelli alle autorità ». Le confische nella Venezia democratica (1797), by Giacomo Girardi

In MEFRIM (Mélanges de l'École française de Romen. 2/2017 - stampa 2018, Propriété et politique : exil, séquestres, confiscations dans l'Italie du XIXe / Proprietà e politica : esilio sequestri e confische nel lungo Ottocento italiano sous la direction de Catherine Brice

L’articolo affronta il tema delle confische nella Venezia del 1797 quando, dopo la caduta della repubblica aristocratica, il nuovo ceto dirigente democratico cercò di arginare le attività dei dissidenti politici attraverso la confisca dei loro beni. Per questo motivo la Municipalità provvisoria istituì una Commissione alle confische, che iniziò i suoi lavori nel giugno e li interruppe nel novembre, quando tutti i decreti di confisca furono ritirati perché ritenuti inefficaci e privi di fondamento giuridico. Nei suoi pochi mesi di vita, la Commissione confiscò i beni di un limitato numero di ex patrizi, tutti membri di spicco della vecchia classe dirigente, la cui punizione aveva il valore simbolico di consegnare all’estero l’immagine di una Venezia integrata nel nuovo sistema francese, fondato sui principi rivoluzionari di democrazia e libertà. Il saggio cerca quindi di dimostrare come le confische rispondessero ad esigenze di natura più politica che economica o giuridica.

Decorazioni a stucco nei cantieri sangalleschi: lo studio dell’antico, la prassi costruttiva, il dialogo con gli artisti, by Serena Quagliaroli

S. Quagliaroli, Decorazioni a stucco nei cantieri 
sangalleschi: lo studio dell’antico, la prassi 
costruttiva, il dialogo con gli artisti, in Antonio da 
Sangallo il Giovane. Architettura e decorazione da Leone X 
a Paolo III, a cura di M. Beltramini e C. Conti, Milano, 
Officina Libraria, 2018, pp. 33-42.


https://officinalibraria.net/shop/antonio-sangallo-giovane/

Un progetto per palazzo Capodiferro Spada e alcune riflessioni su Giulio Mazzoni disegnatore, by Serena Quagliaroli

S. Quagliaroli, Un progetto per palazzo Capodiferro Spada 
e alcune riflessioni su Giulio Mazzoni disegnatore, in 
“Paragone. Arte”, maggio/luglio 2018, pp. 65-74.


https://paragone.it/?p=546

In margine alla Sacra Famiglia Spada restaurata. Giulio Mazzoni tra Roma, Napoli e Piacenza, by Serena Quagliaroli

S. Quagliaroli, In margine alla Sacra Famiglia Spada 
restaurata. Giulio Mazzoni tra Roma, Napoli e Piacenza, in 
L’autunno della Maniera. Studi sulla pittura del tardo 
Cinquecento a Roma, a cura di M. Corso e A. Ulisse, 
Milano, Officina Libraria, 2018, pp. 49-56.


https://officinalibraria.net/shop/autunno-maniera/

Un nuovo approccio per rileggere l’internazionale liberale, by Francesco Dendena

In "Società e storia" 162/2018, pp. 823-826.

Mediterranean Diaspora pone i presupposti teorici per una rilettura delle dinamiche politiche durante il XIX secolo, mostrando la centralità dell’esilio in quanto momento di riflessione e di scambio all’interno dei movimenti liberali. Il bacino del Mediterraneo si configura meno come uno spazio geografico ben definito di quanto invece non si riveli un’entità concettuale in cui si costruisce, attraverso un gioco di trasmissione, contaminazione e riappropriazione, un pensiero liberale destinato a percorrere tutto il continente europeo.

https://www.francoangeli.it/riviste/SchedaRivista.aspx?IDArticolo=63001&Tipo=Articolo%20PDF&lingua=it&idRivista=50

« L’écriture journalistique et la Constitution : Entre transmission juridique et transformation sociale (1791-an I) », by Francesco Dendena

« L’écriture journalistique et la Constitution : Entre transmission juridique et transformation sociale (1791-an I) », in Virginie Martin (dir.), Executer la loi (1789-1804), Presses universitaires de la Sorbonne, 2018.     

http://www.editions-sorbonne.fr/fr/livre/?GCOI=28405100836940

recensione di Tra Roma e Venezia. La cultura dell’antico nell’Italia dell’Unità. Giacomo Boni e i contesti, by Giacomo Girardi.

Recensione di Tra Roma e Venezia. La cultura dell’antico nell’Italia dell’Unità. Giacomo Boni e i contesti, a cura di I. Favaretto e M. Pilutti Namer, Venezia, Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti, 2015, pp. 233, in «Società e Storia», 160/2018, pp. 423-425.

Museums:Italy, by Giacomo Girardi

Voce Museums:Italy, in Encycolpedia of Romantic Nationalism in Europe, Joep Leerssen (ed.), Amsterdam University Press, 2018

https://ernie.uva.nl/viewer.p/21

Intorno al 1914-1918 Le frontiere italiane viste dalla Francia, by Valentina De Santi (with C. A. Geminiani, L. Rossi)

De Santi Valentina, Gemignani Carlo Alberto, Rossi Luisa, « Intorno al 1914-1918. Le frontiere italiane viste dalla Francia » in Masetti C. (a cura), Per un Atlante della Grande Guerra, Roma, LabGeo Caraci, pp. 29-42.

“le plus beau dessin et la plus belle couleur réunis”: il fascino del Putto reggifestone di Raffaello nell’Ottocento, by Stefania Ventra

“le plus beau dessin et la plus belle couleur réunis”: il fascino del Putto reggifestone di Raffaello nell’Ottocento, in «Annali delle arti e degli archivi», 3, 2017, pp. 195-200.

Rivista disponibile in openaccess:

Il volontarismo garibaldino del 1860 dallo studio delle carte di Agostino Bertani, by Emilio Scaramuzza

Emilio Scaramuzza, Il volontarismo garibaldino del 1860 dallo studio delle carte di Agostino Bertani, in Società e storia n. 159/2018, pp. 89-116.

https://www.francoangeli.it/riviste/Schedarivista.aspx?IDArticolo=61102

Library, Archives:Italy, by Francesco Dendena

Voce Library, Archives:Italy, in Encycolpedia of Romantic Nationalism in Europe, Joep Leerssen (ed.), Amsterdam University Press, 2018

https://ernie.uva.nl/viewer.p/21

Hegel in Italy: Risorgimento Political Thought in Transnational Perspective, by. Fernanda Gallo (with A. Koerner)

Hegel in Italy: Risorgimento Political Thought in Transnational Perspective, Journal of Modern Italian Studies, 24/2

https://tandfonline.com/toc/rmis20/current

Challenging intellectual hierarchies. Hegel in Risorgimento political thought: an introduction, by Fernanda Gallo (with A. Koerner)

Challenging intellectual hierarchies. Hegel in Risorgimento political thought: an introduction, in Journal of Modern Italian Studies, 24/2: 209-225 

https://tandfonline.com/doi/full/10.1080/1354571X.2019.1573018

The rise of the ethical state in Italy. Neapolitan Hegelians and Risorgimento political thought (1848–1871), by Fernanda Gallo

The rise of the ethical state in Italy. Neapolitan Hegelians and Risorgimento political thought (1848–1871), Journal of Modern Italian Studies, 24/2: 244-265

https://tandfonline.com/doi/full/10.1080/1354571X.2019.1573021

The Shaping of European Modernities: Neapolitan Hegelianism and the Renaissance (1848–1862), by Fernando Gallo

The Shaping of European Modernities: Neapolitan Hegelianism and the Renaissance (1848–1862), in History, 103/356: 451-468.


https://onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1111/1468-229X.12618

Il «gran affare dell’armamento delle valli bergamasche». La controrivoluzione del 1797 tra Venezia e Bergamo, by Giacomo Girardi

"Il «gran affare dell’armamento delle valli bergamasche». La controrivoluzione del 1797 tra Venezia e Bergamo" in "La Repubblica bergamasca del 1797. Nuove prospettive di ricerca", a cura di D. Edigati, S. Mori, R. Pertici, Roma, Viella, 2019

https://www.viella.it/libro/9788833132631